Ganoderma Lucidum proprietà antinfiammatorie

L’infiammazione, o flogosi, è un processo che caratterizza molte patologie. I macrofagi, cellule specializzate del sistema immunitario, sono noti per essere dei cruciali regolatori della risposta infiammatoria. Infatti, macrofagi attivati producono e rilasciano una serie di molecole infiammatorie, responsabili dei segni cardine dell’infiammazione: arrossamento, tumefazione, calore, dolore e alterazione funzionale del tessuto/organo interessato.

Molti sono gli sforzi da parte dei ricercatori nell’identificare nuovi composti naturali ad attività antinfiammatoria.

Il team scientifico americano della Indiana University ha investigato il potere antinfiammatorio dei triterpeni estratti dal Ganoderma Lucidum in un modello cellulare di macrofagi. In laboratorio I macrofagi possono essere attivati mediante stimolazione con il lipopolisaccaride (LPS), un componente della parete dei batteri. In risposta all’LPS, i macrofagi producono e rilasciano nella capsula di Petri diversi mediatori infiammatori, similmente a quello che succede in un tessuto infiammato.

I ricercatori hanno dimostrato che macrofagi trattati con i triterpeni e successivamente stimolati con l’LPS, secernevano molte meno citochine infiammatorie (TNF-α, IL-6, NO, PGE2) e mostravano una ridotta espressione proteica di iNOS e COX-2. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) che generalmente utilizziamo nel trattamento sintomatico della febbre, mal di testa, sindrome influenzale, mal di denti e dolori muscolari hanno come bersaglio proprio la COX-2. Questi risultati sono stati confermati anche in vivo su modelli animali. Il gruppo di ricerca ha poi indagato il meccanismo molecolare responsabile dell’effetto antinfiammatorio dei triterpeni e identificato AP-1 e NF-kB come le proteine chiave sulle quali i triterpeni esercitano la loro azione.

Alla luce di questi interessanti risultati, gli autori affermano che un estratto di Ganoderma Lucidum contenenti triterpeni, può essere considerato un prodotto naturale con proprietà antinfiammatorie.

Bibliografia: International Immunopharmacology 9, 1272:1280, 2009

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19651243

Dr. Mirco Compagnone

Laurea in Biologia Umana (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”)
Laurea Magistrale in Biologia ed Evoluzione Umana (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”)
Dottorato di Ricerca in Biochimica e Biologia Molecolare (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”)
Ricercatore in campo oncologico
Autore di numerose pubblicazioni scientifiche su giornali internazionali

https://www.facebook.com/dr.mircocompagnone/

https://it.linkedin.com/in/mirco-compagnone-60753178

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico o biologo nutrizionista prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.